Scrivimi:

Scrivimi:

Facebook

lunedì 31 ottobre 2016

Fave dei morti








Questi deliziosi biscotti si preparano un po' in tutta Italia. Secondo la tradizione, sono nati per omaggiare simbolicamente i defunti che, nella notte tra l'1 e il 2 Novembre, tornano a far visita ai loro cari.
Mi piace rispettare la tradizione postando uno dei tanti dolci preparati in questo periodo per questo fine: ossa da morto, pane dei morti, torrone dei morti ecc...Tutte preparazioni arricchite con frutta secca e profumate con spezie varie.
Non amo particolarmente Halloween  ma, confesso, per i miei figli, quando erano piccoli, ho fabbricato dita, ossa e varie mostruosità!!!
Delle fave dei morti ci sono tante ricette, quella che vi vado a descrivere è quella che da sempre si prepara a casa mia: è molto semplice e, davvero, si prepara velocemente senza alcuna difficoltà.
Io ne preparo sempre una certa quantità, anche per parenti e vicini!!! Ovviamente potrete dimezzare la dose ed ottenere così circa una trentina di biscotti.
Se vi ho incuriosito seguitemi in cucina....

Ingredienti per 50/55 fave dei morti:

 -2 hg di mandorle spellate
-3 hg di zucchero
-3 hg di farina
-4 uova
-la scorza grattuggiata di 1 limone
-1 pizzico di cannella
-1 cucchiaio di grappa (facoltativo)
-zucchero a velo



 Cottura.: 20/25 minuti

Difficoltà: bassa

Costo: medio




Preparazione: mettere nel mixer le mandorle insieme allo zucchero e tritare molto finemente.
Trasferire il tutto in una grande ciotola: unire la farina, le uova, la scorza grattuggiata del limone, un pizzico di cannella, (volendo anche la grappa)
Lavorare gli ingredienti prima con una forchetta e poi con le mani, fino ad ottenere un impasto omogeneo, liscio e un tantino morbido: formare dunque la classica palla.
Infarinare leggermente il piano di lavoro, staccare dei pezzi e con essi formare dei "salamini" con diametro tre centimetri.
Formare ora le fave tagliando dei pezzi lunghi 3/4 centimetri.
Imburrare una teglia da forno o, in alternativa, usare la carta forno.
Schiacciare leggermente ogni biscotto premendo al centro con il pollice.
Infornare in forno caldo a 160° per circa venti minuti.
Passare questo tempo, sfornare e spolverare da fredde con lo zucchero a velo.
Sono buonissimi, vedrete. A presto!



15 commenti:

  1. Cara Cristina, un nome un po strano, ma come qualità dovrebbero essere veramente buoni!!!
    Ciao e buona settimana con un abbraccio e un sorriso:) sorridere fa bene!
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Non ho mai assaggiato questi biscottini.. ma devono essere deliziosi.. Un bacione :-**

    RispondiElimina
  3. Son deliziosi Cristina, lo sai non li conoscevo ma devono essere buonissimi, un bacione e buona giornata

    RispondiElimina
  4. Queste ricette della tradizione mi piacciono molto e non devono andare perse tra l'altro devono essere buonissimi!!!
    Baci

    RispondiElimina
  5. Ciao Cristina, chissà che profumo e che bontà! Bravissima!!!
    Un dolcissimo abbraccio!
    Laura😘💖

    RispondiElimina
  6. Li ho mangiati diverse volte e sono molto buoni!

    RispondiElimina
  7. Che buoni!

    http://angolodellamisantropia.blogspot.it/

    RispondiElimina
  8. Hai ragione, sono davvero buonissimi questi biscotti. Bravissima Cristina

    RispondiElimina
  9. non li ho mai assaggiati, sono super curiosa!

    RispondiElimina
  10. Devono essere super golosi :-) Buona serata e grazie x la ricetta ^_^

    RispondiElimina
  11. Le conosco di nome ma non le ho mai provate. Però adoro i biscotti con le mandorle e sono sicura che potrei innamorarmene al primo assaggio!!!

    RispondiElimina
  12. Da me li prepara mio figlio quando ha tempo e voglia 😉 Brava CRI!

    RispondiElimina
  13. Sembrano proprio buoni...complimenti!!!! Un bacio

    RispondiElimina
  14. Carissima Cristina non conoscevo questi biscotti,sicuramente troppo buoni oltre che golosissimi,non immagini l'acquolina incredibile che mi hanno fatto venire e quanto li vorrei assaggiare:))grazie infinite per la bellissima ricetta,un bacione e tantissimi complimenti:))
    Rosy

    RispondiElimina
  15. a Trieste sono piccole e di vari colori, queste tue sono una bella variante che non conoscevo, buona settimana

    RispondiElimina