Scrivimi:

Scrivimi:

Facebook

martedì 12 settembre 2017

Tagliatelle tre P






Questo primo, delicato e buonissimo, lo andavo a mangiare con il mio "moroso" (attuale marito) da ragazzina (quando c'erano i soldi, s'intende!).
Lo preparavano in una pizzeria tutt'altro che chic, ma dove ogni pietanza aveva un sapore particolare... Ora non c'è più, ma il ricordo di questo primo e di altri piatti succolenti è sempre vivo nella mia mente.
Si tratta di un piatto relativamente semplice, io lo chiamo delle tre P perchè il sugo è a base di panna, prosciutto e pomodoro: l'ho cucinato a memoria, con qualche piccola variazione.
In famiglia piace a tutti, anche per il valore affettivo che porta con sè: quando lo mangio mi rivedo ragazzina felice e piena di speranze, seduta ad un tavolo un po' sgangherato, ubriacare di chiacchere un bel ragazzo moro e ossuto, ignaro (poverello) del fatto che avrebbe dovuto sopportarmi per tanti e tanti anni...
Venite in cucina che in poche mosse vi mostro come si prepara...

Ingredienti per 4 persone (mangione):

-5 hg di tagliatelle secche
-1,2 hg di prosciutto in una sola fetta
-4 hg di polpa di pomodoro o pomodori maturi privati della pelle
-125 ml di panna da cucina
-1 spicchio d'aglio
-50 grammi di parmigiano
-sale
-pepe nero
-origano
-basilico
-4 cucchiai di olio d'oliva

Cottura: 10/12 minuti per il sugo + il tempo di cottura indicato per la pasta

Difficoltà: bassa

Costo: basso




Preparazione: mettere in un largo tegame l'olio e l'aglio, farlo imbiondire ed eliminarlo (o, se si vuole un sapore più accentuato, toglierlo solo prima di condire la pasta).
Aggiungere il prosciutto spezzettato e farlo insaporire due/tre minuti.
Inserire la polpa di pomodoro, salare, pepare e spolverare con l'origano: lasciare dunque cuocere qualche minuto e versare la panna.
Terminare la preparazione del sugo ed aggiungere qualche foglia di basilico fresco.
Portare a bollore una grande pentola con acqua salata, gettarvi le tagliatelle e scolarle al dente: versarle direttamente nel tegame del sugo, rigirarle bene per distribuire il condimento e terminare con il parmigiano grattuggiato.




Il nostro piatto è pronto, buon appetito e a presto... Io vi aspetto sempre qui!

12 commenti:

  1. Le tagliatelle sono sempre un classico irresistibile e l'aneddoto personale le condisce anche di un tenero ricordo<3!
    Le proveremo con piacere con la sfoglia tirata dal mio figlio maggiore, che è diventato bravissimo con il mattarello.
    Ciao, Cristina
    Marilena

    RispondiElimina
  2. Uau, oggi ricordi di gioventù, e che ricordi! Da provare assolutamente.
    ciao

    RispondiElimina
  3. I piatti legati ai nostri ricordi creano un'atmosfera particolare che anche nella condivisione li rende più interessanti!!!
    Baci

    RispondiElimina
  4. Semplici e sempre deliziose.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  5. Sicuramente molto buone. Mi è piaciuto molto il tuo breve racconto

    RispondiElimina
  6. Cara Cristina, passato il mio compleanno, eccomi per vedere questo bel piatto di pasta!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  7. Un primo semplice ma molto gustoso!!!!! un abcione

    RispondiElimina
  8. Ma questo abbinamento di panna e pomodoro per far colpo sulle donne pare funzioni magnificamente! Io sono stata corteggiata con penne condite con panna, pomodoro e fughi! Domani quasi quasi preparo le tue meravigliose tagliatele a tre p! I bimbi faranno grande festa!

    RispondiElimina
  9. Un primo piatto ricco di sapore che accontenta molti commensali

    RispondiElimina
  10. This looks great!
    Thanks for sharing.

    Visit me and follow:
    colourfullife000.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. 3p mi ricorda una mia ricetta di tanto tempo fa, la mia era pappardelle alle 7p, una gustosa combinazione di ingredienti legati da una lettera dell'alfabeto per pura combinazione, buona anche questa tua ! Un bacione e felice settimana

    RispondiElimina