Facebook

Aspic con Gavi e frutti di bosco






L'aspic è un dessert delizioso, ideale nella bella stagione, ma buono sempre.
Si tratta di una preparazione abbastanza semplice e gli ingredienti utilizzati sono relativamente pochi.
Come sempre, in questi casi è importante la qualità degli ingredienti: la mia proposta di oggi è realizzata con un meraviglioso vino Gavi dell'azienda agricola biodinamica La Raia, che si trova nei comuni di Novi Ligure e Gavi, dove la tradizione vitivinicola è antichissima, anche grazie al clima che favorisce la maturazione delle uve. Il Gavi è particolarmente adatto a questa preparazione, vista la sua freschezza e il profumo che esprime aromi di frutta e fiori bianchi.
All'interno dell'azienda ad aprile del 2017 è stata aperta la locanda "La Raia": dodici camere, l'una diversa dall'altra, dedicate a ospiti appassionati di natura ed enogastronomia.
Vediamo ora come realizzare il nostro delizioso e profumato aspic con Gavi e frutti di bosco.


Ingredienti:

-600 ml di Vino Gavi
-3 cucchiai di fruttosio
- il succo di mezzo limone
-25 gr di colla di pesce
-100 gr di lamponi
-100 gr di mirtilli
-100 gr di more
-150 gr di fragole
-alcune foglie di menta

Cottura: qualche minuto per scaldare il vino

Difficoltà: media

Costo: medio




Preparazione: lavare i frutti e asciugarli perfettamente.
Tagliare a fettine metà della quantità prevista delle fragole.
Ammollare in una ciotola con acqua fredda la colla di pesce per  cinque minuti.
Scaldare il vino fino a sfiorare l'ebollizione ed aggiungervi la colla di pesce strizzata, il succo di limone filtrato e il fruttosio.
Mescolare bene affinché la colla di pesce si sciolga completamente.
Versare nello stampo scelto per la preparazione dell' aspic due centimetri di miscuglio di vino, distribuire alcuni frutti e qualche fogliolina di menta.
Mettere nella parte bassa del frigorifero per una decina di minuti a solidificare.
Dopo questo tempo distribuire altri frutti a piacere e versare una parte di vino.
Rimettere nuovamente in frigorifero per altri quindici minuti.
Prendere nuovamente lo stampo, aggiungere i frutti rimanenti (tenendone da parte alcuni per la presentazione) e terminare versando il vino rimasto.



Fare raffreddare tre ore e, prima di servirlo, immergerlo brevemente in una bacinella con acqua calda.




Il nostro aspic dal profumo accattivante è pronto, un abbraccio, la Chicchina

Commenti

  1. Cri, che bel vedere !!!!!!!! Stupendo e buonissimo il tuo aspic di frutta e Gavi. Tanti complimenti e buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. A parte che il Gavi da sempre rimane uno dei miei vini preferiti. Ma guardo questo aspic e rimango a bocca aperta. Ma tu lo sai vero che hai fatto un capolavoro di una bellezza, di una delicatezza e di un'eleganza unica? Bravissima! Un bacio

    RispondiElimina
  3. Cara Cristina, tu lo sai che sono goloso, vedendo queste foto, ho già l'acquolina in bocca.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Che finezza questo dessert! Ho letto le caratteristiche del vino sul sito. Hai fatto un'ottima scelta di vino per questo aspic di frutta! Sono stracuriosa di assaggiare. Brava, bravissima sempre!

    RispondiElimina
  5. Adoro il gavi! Ho in programma dei biscotti proprio con questo vino. L aspic è un classico qui in Piemonte e tu l ‘hai eseguito magistralmente!

    RispondiElimina
  6. Un dessert raffinato, goloso e di grande impatto. Perfetto, Cristina!
    Baci!
    MG

    RispondiElimina
  7. Ma è una vera meraviglia, e io ora la voglio realizzare. Bellissima da presentare con gli ospiti

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia Cri è di una bellezza unica. Buon weekend cara.

    RispondiElimina
  9. Carissima Cristina, davanti a questo magnifico capolavoro di alta classe...posso soltanto ichinarmi e togliemi tanto di cappello. Con il perfetto equilibrio di sapori, colori e la freschezza del tuo meraviglioso aspic....summa cum laude non basta...è veramente il massimo del massimo...mi hai ispirato in maniera tale che dovrò farlo assolutamente domani...non ho il Gavi a casa...ma un ottimo Chablis...che con la gamma dei frutti sarà la perfetta celebrazione di un connubio di alta classe. È inutile ripeterlo, ma non mi stancherò mai di dirtelo...tu ed Eleni siete i miei punti di riferimento nell'universo del gusto perfetto...la mia bussola in mezzo ad una marea di blogger fasulle che di blogger non hanno nulla...a parte il vantaggio di attingere a motori di ricerca...tutto fumo e niente arrosto...nemmeno capaci di preparare una frittata di peperoni senza copiare qualcuno/a poco conosciuto/. Resta come sei....e come anche Eleni lo fa....Bisogna sapere più distinguersi e meno confondersi . È la differenza che conta !!! CHAPEAU !!!

    RispondiElimina
  10. ma è buonissima!! e che bella presentazione! buon fine settimana :))

    RispondiElimina
  11. deve essere una vera delizia!
    buona domenica delle Palme
    Alice

    RispondiElimina
  12. Ma che meraviglia!!!!! non ne ho mai mangiato uno.. si presenta troppo bene!! baci e buona domenica delle Palme :-*

    RispondiElimina
  13. Bellissimo e tanto buono, bravissima Cristina !

    RispondiElimina
  14. WOW, è venuto benissimo! è stupendo da vedere e deve essere anche buono! :)

    https://julesonthemoon.com/

    RispondiElimina
  15. Molto chic e colorato. Mi piace tantissimo ^_^
    Ti lascio, con qualche giorno di anticipo, gli auguri di Buona Pasqua. Non so se riuscirò a passare nei prossimi giorni.
    Un abbraccio <3

    RispondiElimina
  16. Bellissima da vedere peccato poi mangiarla... scherzo viene voglia di gustarla. Buona serata.

    RispondiElimina
  17. Che splendida e raffinata presentazione, la bontà è assicurata!!!
    Baci

    RispondiElimina
  18. Sottoscrivo uno ad uno tutti i complimenti di chi mi ha preceduto...bellissimo e indubbiamente buonissimo...(ma io che sono veneta posso farlo con il prosecco!?). Ciao Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariangela, sì: si può preparare con un prosecco e anche con un moscato, se ti piace più dolce, un abbraccio!

      Elimina
  19. Adoro questa preparazione, grazie di avermela ricordata, è uno spettacolo! auguri di buona Pasqua cara!

    RispondiElimina
  20. Aspic è sempre una prova per un cuoca sei stata bravissima

    RispondiElimina
  21. Ma che meraviglia Cris!!!! Talmente bello che sarebbe un peccato tagliarlo, e talmente goloso che sarebbe un peccato non farlo!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari

Instagram