Scrivimi:

Scrivimi:

Facebook

martedì 28 giugno 2016

Cozze alla marinara





Un piatto che è un classico dell'estate e non solo. Si tratta di una preparazione semplice: la cosa fondamentale è che le cozze siano pulite molto bene e messe a bagno in acqua leggermente salata per almeno 2 ore...io compro il pesce al mercato, lo trovo sempre buono da una gentilissima signora che, in un attimo, dà a tutti i clienti che lo desiderano una ricettina!!! OVVIAMENTE ne ho approfittato per confrontare la ricetta che conosco io con la sua ed è assolutamente identica....bene, quindi siamo sulla giusta strada e posso allungarvi la ricetta di questa delizia...

Ingredienti per4 persone:

-2 kg di cozze (anche dette mitili)
-1 cipolla grossa

-1 spicchio d'aglio
-2 foglie di alloro
-1 mazzetto di prezzemolo
-1 pizzico di timo
-1 bicchiere di vino bianco(ovviamente  secco)
-40 grammi di burro
-pepe nero

Cottura: circa 15 minuti

Difficoltà; bassa

Costo: basso.

Preparazione: come abbiamo già detto in precedenza, l'operazione più importante è la pulizia delle cozze che vanno spazzolate molto bene. Bisogna poi eliminare il bisso (la "barbetta" che fuoriesce) e vanno lasciate a bagno per due ore per eliminare la sabbia residua.Io cambio l'acqua almeno una volta.
Ora occupiamoci del sughetto: in un largo tegame  fare un soffritto con il burro, la cipolla e l'aglio  tritato;
cuocere dunque a fuoco dolce qualche minuto.
Aggiungere poi l'alloro, il timo, il pepe e il vino.
Ora inserire le cozze e farle aprire. Mescolare più volte in modo che si insaporiscano bene.
Proseguire quindi la cottura per dieci minuti, cospargere con abbondante prezzemolo ed è pronto! Un piatto povero degno della mensa di un re (ognuno di noi lo è). Alla prossima, io vi aspetto sempre qui! Baci!



16 commenti:

  1. Ma che buone!!
    Pensa che è uno tra i miei piatti preferiti!!
    Un bacione Manu

    RispondiElimina
  2. Non sono amante delle cozze ma a mio marito un piatto così piacerebbe da matti!! Copio e provo :-)
    Buona giornata cara e a presto <3

    RispondiElimina
  3. Io ne mangerei a vagonate. Quando ero incinta del mio primo figlio, avevo sempre voglia di cozze. Comnplimenti un piatto che sa tanto di mare e estate. Buona giornata Fabiola

    RispondiElimina
  4. adoro le cozze ne mangerei vergognosamente a chili, l'unica rottura è pulirle (sono pignola.. ci impiego mezza giornata a grattarle benino) per cui..vengo a cena da te. Deciso ..mi sono autoinvitata. baci Cri

    RispondiElimina
  5. È un piatto che mi piace moltissimo ma che non preparo spesso dato che per pulire le cozze ci vuole tempo e attenzione, la tua ricetta però mi ha messo proprio voglia di mangiarle.
    Un abbraccio e buona giornata.

    RispondiElimina
  6. Anch'io adoro mangiarle......un pò meno prepararle, sicuramente pronte sono buonissime e fanno tanto mare e vacanze!!!
    Baci

    RispondiElimina
  7. Cara Cristina, le tue cozze sono provare e da gustare! Questa è una ricetta interessante :) Solitamente utilizzo meno aromi ma questa mi intriga molto!
    Buona serata
    Kiss Rosa

    RispondiElimina
  8. Eh si le cozze sono proprio un classico al quale io non rinuncerei mai, interessante la foglia di alloro che normalmente non metto...devo provare :)

    RispondiElimina
  9. Buonissime Cristina, il profumo arriva fin qui... Bacione buona serata

    RispondiElimina
  10. Deliziose! :)

    http://angolodellamisantropia.blogspot.it/

    RispondiElimina
  11. Le cozze son squisite, io le adoro in tutti i modi.. che fameee!!!!Un bacione

    RispondiElimina
  12. E tanto che non li compro ma sono tra i miei piatti preferiti, troppo buone !

    RispondiElimina
  13. Mamma mia, quanto sono buone!!!! Un bacio

    RispondiElimina
  14. Adoro le cozze (e tutti i frutti di mare in genere)e anch'io sono solita prepararle ma utilizzando meno ingredienti.La tua versione mi incuriosisce e mi ispira tantissimo,la devo provare assolutamente;).
    Un bacione:)).
    Rosy

    RispondiElimina
  15. Mi piacciono un sacco le cozze (forse il mio mollusco preferito) e così nella più assoluta semplicità sono straordinarie

    RispondiElimina